Comunicato stampa 06-12. > Segnalazione problema Villa Amedeo

Caltanissetta, 31 Maggio 2012

Agli organi di informazione

LORO SEDI

Balordi privi di senso civico continuano ad agire indisturbati e a deturpare la Città, anche nei luoghi frequentati da famiglie, anziani e bambini.

A denunciare pubblicamente il grave fatto è nuovamente il Consigliere Comunale Oscar Aiello, che dopo avere segnalato atti vandalici nella Scalinata Agostino Lo Piano e in via Tricomi, questa volta ha comunicato all’Ufficio Tecnico la presenza di incresciose scritte all’interno della Villa Amedeo, che seppur non recentissime secondo il Consigliere Aiello deturpano l’ambiente e vanno rimosse al più presto.

Con una nota trasmessa all’Assessore ai Lavori Pubblici e all’Ufficio Tecnico, in considerazione del fatto che nei prossimi giorni e fino al 10 Giugno, grazie al 14° Torneo Internazionale di Tennis Città di Caltanissetta e alla kermesse enogastronomica “Caltanissetta cuore del gusto siciliano” la Villa Amedeo verrà visitata da migliaia di cittadini, e tenuto conto che i fabbricati all’interno della stessa Villa Comunale, ubicati vicino il parco giochi per bambini, sono stati imbrattati da vandali con scritte incresciose che deturpano e degradano l’ambiente circostante, il Consigliere Oscar Aiello ha chiesto che quegli stabili vengano completamente tinteggiati per coprire ed eliminare quelle sgradevoli scritte, in modo tale che la Villa Amedeo sia perfettamente fruibile entro i giorni in cui al suo interno si svolgerà la seconda kermesse enogastronomica “Caltanissetta cuore del gusto siciliano” che tanto successo in termini di presenza di pubblico ha riscosso lo scorso anno.

“Ringrazio l’Assessore Giarratano – dichiara il Consigliere Oscar Aiello – per la sua disponibilità a realizzare questo necessario intervento per restituire decoro alla Villa Amedeo, allo stesso tempo auspico che i cittadini abbiano maggiore rispetto della Città e che si applichino sanzioni nei confronti di chi pone in essere tali deplorevoli atti vandalici, che non solo deturpano l’ambiente, ma creano anche un danno economico”.

Lascia un commento